Il tamarindo è un frutto versatile, che può essere utilizzato per molti scopi. Il sapore agrodolce, unico, della sua polpa lo ha reso popolare nelle cucine di mezzo mondo e nella creazione di aromi adatti a svariati piatti e bevande.

Tamarindo – estratto molle

Il nostro estratto molle di tamarindo è un estratto concentrato a 75 bx, che può quindi essere conservato a temperatura ambiente, la cui viscosità ne permette una semplice maneggiabilità e un facile utilizzo. Il ciclo produttivo e di concentrazione, che avviene attraverso un processo molto delicato, ci consente di mantenere inalterate tutte le caratteristiche organolettiche della polpa di partenza. La caratteristica organolettica più notevole della polpa di tamarindo è il suo sapore dolce e acido.

Il tamarindo è ricco di proteine e flavonoidi, per cui presenta ottime qualità nutrizionali. Questo frutto può essere considerato una buona fonte di tutti gli amminoacidi essenziali.  È anche ricco in sali minerali e le vitamine: ferro, potassio, fosforo, magnesio, sodio, calcio, zinco, rame, selenio, vitamina A, vitamine del gruppo B, C, E e K. Ha quindi proprietà antiossidanti e rimineralizzanti ed è un ottimo rinfrescante particolarmente utile in estate per reintegrare la perdita di sali minerali causata dall’eccessiva sudorazione.

Il tamarindo è un frutto versatile, che può essere utilizzato per molti scopi. In Italia è perlopiù utilizzato come sciroppo o nei ghiaccioli. Ma Il sapore agrodolce, unico, della sua polpa lo ha reso popolare nelle cucine di mezzo mondo e nella creazione di aromi adatti a svariati piatti e bevande. Nella cucina asiatica, la sua polpa è utilizzata come spezia e per la preparazione di salse, zuppe, minestre e altri piatti che accompagnano il riso, ad esempio nei curry e nei piatti tradizionali o per insaporire patate e verdure varie. Nei paesi del sudest asiatico, l’estratto di tamarindo è molto usato anche per caramelle e marmellate e per il chutney di tamarindo, popolare soprattutto in India e Pakistan come condimento per molti snack.

L’albero di tamarindo, pianta tropicale della famiglia delle Fabaceae, ha una crescita lenta e può arrivare fino a 30 metri di altezza; genera fiori poco appariscenti riuniti in grappoli. I frutti sono baccelli incurvati, piuttosto legnosi che contengono diversi semi, avvolti da una polpa di color marrone scuro e dal gusto molto particolare: è proprio questa la parte edibile.

scarica il pdf